31 marzo 2014

Antonio Alessandria: Hommage à la lune (2014)

"Ciò che insomma quaggiù perdesti mai
lassù salendo ritrovar potrai"
L. Ariosto - Orlando Furioso

Lui è un caro amico con cui condivido la passione per la profumeria come arte. E' anche una fonte di stimoli ed idee e questo ci ha portati a realizzare assieme per primi degustazioni polisensoriali in Italia. Tuttavia non è per questo che voglio parlarvi di Antonio Alessandria, ma perché è lui la rivelazione di questa edizione di Esxence.
Ingegnere elettronico di giorno, la sera apre il suo Boudoir 36 nel cuore di Catania per chiunque voglia scoprire la profumeria d'autore, fra musica, candele e cordialità in un'atmosfera intima da salotto d'altri tempi.

Un decennio fa la passione lo porta a frequentare i corsi di Mouillettes&Co dove matura la conoscenza delle materie prime e degli accordi classici. Decide di continuare lo studio della composizione di fragranze da Cinquieme Sens a Parigi e poi, grazie al contatto con affermati profumieri indipendenti, affina il suo stile. Vi domanderete: "E i profumi quando li crea?".

La notte e per questo dedica alla luna, musa seducente e misteriosa, una trilogia che riflette la visione di Antonio della profumeria artistica: "Una volta chi componeva imponeva le proprie scelte stilistiche e si esprimeva. Oggi nessuno vuole prendersi il rischio di proporre una composizione che è espressione di una scelta di stile, di carattere. D'altra parte è questo il motivo per cui il profumo si è svuotato del significato di espressione, o se vuoi di forma d'arte, ed è diventato prodotto di consumo". In queste eau de parfum si respira la sua voglia di rischiare esprimendo la creatività ed il suo amore per le belle materie prime e per i classici.

Mortificato da continui lanci che seguono la facile equazione per cui modernità significa linearità (ma anche povertà di idee e contenuti), il naso rimane estasiato dall'evoluzione ricca e duratura e dall'equilibrio che fonde dosi imbarazzanti di naturali alla sintesi in un leitmotiv cuoiato che è la firma di Alessandria. Emoziona lasciarsi penetrare da queste creazioni forgiate dal tempo e dall'immaginazione, sentir pulsare le atmosfere anni '40 dipinte a colori vivaci e contemporanei.

Nacre Blanche
"La luce della luna, candida come madreperla, attraverso lo specchio illumina un incarnato di alabastro. L'intensa emanazione notturna delle tuberose in fiore, entrando dal giardino, si fonde con gli odori di una camera privata"
La fragranza è carica di attesa, come occhi che spiano dal muro di cinta. Scrutano fra le fronde degli agrumi. Chiamano la carne sospirando la dolcezza dei gelsomini e l'ardire delle tuberose. Come la luna si posano sui seni eburnei.  Vogliono insinuarsi nell'oscurità assonnata delle cosce morbide che gualciscono le lenzuola come fossero petali, accarezzarle senza inibizioni in un letto di cuoio, legni scuri e benzoino.

Note: bergamotto, pompelmo, mandarino, petitgrain, coriandolo, tuberosa, gelsomino, osmanto, cuoio, patchouli, sandalo, benzoino, vaniglia, muschio

Nuit Rouge
"Una luna argentea rischiara la notte gelida. Il profilo di un vulcano si staglia nel buio. I bagliori rossi di una improvvisa eruzione incutono allo stesso tempo timore ed attrazione"
Amara e tagliente come ossidiana, la superficie androgina del profumo riflette bagliori freddi di agrumi e geranio che tracciano in cerchi neri le spire pungenti ed animali del ribes. La crosta poi si infrange liberando aromi terrosi di bacche tostate e minerali, sbuffando nuvole soffici di spezie che lasciano la loro impronta aromatica e sensuale sulla pelle, morbida come un guanto di camoscio.

Note: bergamotto, limone, germoglio di ribes, pompelmo, rabarbaro, geranio, iris, zafferano, pepe nero, noce moscata, caffè, cuoio, cedro, patchouli, sandalo, incenso, vaniglia, fava tonka, muschio

Noir Obscur
"In una buia notte di novilunio, il ricordo della luce si fa strada nei meandri dell'anima per guidare il cammino lungo sentieri sconosciuti. Soffice come una nuvola, sensuale come il velluto, dolce come il peccato"
Il profumo più intenso e misterioso della trilogia è il negativo olfattivo di una foto, come un alter ego che solo nell'ombra rivela i suoi desideri più piccanti di pepe e zafferano. Il buio si popola di presenze dal passato, palpabili nudità d'osmanto e rosa che ebbre di rhum s'incontrano. Ciò che lo rende il mio preferito anche è quell'indecente esplorazione dell'intimo, quell'arruffarsi di capelli e di corpi nel fondo sapido e ambrato che lo accomuna più di tutti all'eleganza peccaminosa e destabilizzante che la profumeria detersiva e codarda di oggi ha cancellato.

Note: arancia, mandarino, davana, assoluta di rhum, note speziate, rosa bulgara, gelsomino, iris, osmanto, cuoio, patchouli, vetiver, cedro, incenso, accordo ambrato, muschio

Lasciate un commento a questo post se siete curiosi di scoprire le creazioni di Antonio. Entro una settimana sorteggerò cinque fortunati a cui manderò un set di campioni delle fragranze.

7 commenti:

Barbara Conti ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Magnifiscent ha detto...

Ciao Barbara,
sono sicuro che almeno uno dei tre possa essere tuo e ho anche sospetti su quale sia :)
Per quanto riguarda il mio preferito, leggi fino in fondo il post e lo scoprirai ;)
Un abbraccio e buona fortuna per il sorteggio!

Lebatman ha detto...

Testati purtroppo di sfuggita a Esxence, squisito Antonio e magnifici i profumi, anche se appunto ho potuto constatarne solo l'impatto. Sarei davvero curioso di poterli godere con più calma. Così a memoria ho un gran bel ricordo del Rouge, persistenza non esagerata ma splendido!

marzipan_28 ha detto...

Sentiti a Milano, una folgorazione! Un debutto in grande stile che merita un'ulteriore riflessione.

Michela Dell'Anno ha detto...

Caro Ermano,
Anche su di me Antonio Alessandria ha lasciato il segno, sia come figura ispiratrice per qualcosa che mi piacerebbe fare in un vago futuro, sia con le sue creazioni. Nacre Blanche il mio preferito (tuberosa, tanto per cambiare), ma anche Noir Obscur un capolavoro.
Da provare e riprovare, spero… ;)

Anonimo ha detto...

Testati tutti e tre. Mi hanno molto colpito Nacre Blanche e Noir Obscur. Un saluto, Annuzza


Rossella Rocco ha detto...

Mi sembrano fragranze estremamente fascinose e interessanti,"poetiche" direi...Ora ho un gran desiderio di conoscerle e provarle...!Spero tanto di essere estratta !
Esiste un sito dove si possano acquistare i samples ?
Ciao :-)

Rossella

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...