20 novembre 2014

Alga rossa: sapore di mare

Ottobre è stato un mese di festeggiamenti per gli amici di Adjiumi perché il forum italiano di appassionati della profumeria ha compiuto otto anni: tanti auguri! Avanti sempre così!
Una delle belle iniziative che animano il gruppo è la condivisione delle materie prime più comunemente usate in profumeria per poterle conoscere e approfondire meglio. Dato che non amo arrivare alle feste di compleanno a mani vuote, ho pensato fosse bello condividere con gli amici di Adjiumi una materia prima misteriosa da sentire alla cieca. L'ho chiamata col nomignolo MPX ma ora finalmente posso svelarvela.

La materia prima X è una straordinaria assoluta di alga rossa (la palmaria palmata che vedete qui sopra) della Bretagna di prima qualità che Mane produce mediante estrazione supercritica in anidride carbonica, una materia preziosa (circa 10.000 euro/Kg) e ancora poco usata in profumeria. In purezza è una materia così viscosa, complessa, e brutale che per me è stato amore a primo sniffo. Spero che sia piaciuta anche ai nasi di adjiumi e abbia stuzzicato la loro immaginazione. A giudicare dalle reazioni che ha suscitato di sicuro non li ha lasciati indifferenti.

Red Seaweed: sea relish

October has been a celebration month for the friends of Adjiumi for the italian forum of perfume lovers is now eight: happy birthday! Go on this way!
One of the good pursuits enlivening the group is to share the most common raw materials in perfumery to smell and understand them better. As I don't feel like turning up at birthday parties empty-handed, I thought it was nice to share with the friends from Adjiumi a mystery raw material to be smelled blind. I simply nicknamed it MPX but finally now I can unveil it.

The raw material X is an incredible top quality red seaweed absolute (palmaria palmata, as shown here on the  left) from Brittany Mane obtains through carbon dioxide supercritical fluid extraction, a precious essence (about 10.000 euro/Kg) still rarely used in perfumery. Undiluted it is such a viscous, complex, brutal raw material that I couldn't help but falling in love with it at first sniff. I hope the Adjiumi crew like it as well and got inspired by it. Judging from the reactions it has rised, surely it didn't left them cold.

27 ottobre 2014

Formazione olfattiva, non è mai troppo tardi!

Anche se un po' in ritardo, le giornate uggiose e il freddo sono arrivati  e con novembre alle porte siamo definitivamente in autunno.
Come ogni anno, vi segnalo gli appuntamenti con la formazione che ci accompagneranno per nei mesi freddi. Si tratta di incontri formativi dedicati sia a chi lavora nel settore che agli appassionati più competenti o alle matricole che vogliono avvicinarsi al profumo in modo più consapevole.

A settembre è partito a Bologna l'Atelier di Smell Festival con il primo modulo Il Linguaggio del Profumo guidato dal profumiere Martino Cerizza. Se vi siete persi il primo workshop di ottobre sul Gelsomino, non perdetevi i prossimi incontri della serie Fleurs - la vita alchemica dei fiori - con Francesca Faruolo che il 6 novembre ci racconterà fisica e metafisica del Fiore d'Arancio.
Novità di quest'anno sarà una serie di incontri sulla Storia del Profumo che ho avuto l'opportunità di sviluppare assieme a Smell Atelier. Il periodo storico, il cambiamento del gusto e delle materie prime daranno modo di gustare e capire meglio alcuni dei capolavori che hanno segnato tre periodi rivoluzionari della profumeria. Vi aspetto il 29 novembre per il primo incontro Gli anni folli: Fragranze fra le due guerre.
Vi invito poi a consultare il resto del programma dell'Atelier sul sito di Smell Festival utile anche per partecipare agli incontri.

Dopo Ognissanti riapre anche la scuola di Mouillettes&Co il 10-11 novembre con due giorni di Introduzione alla tecnica del profumo e al linguaggio degli odori. Viste le numerose richieste per partecipare a Una giornata da Naso, ci sono grandi novità per il 2015: l'appuntamento diventa itinerante e verrà proposto dal team di Maria Grazia Fornasier a Parma, Roma e Catania. Per maggiori informazioni e iscrivervi, potete consultare il sito di Mouillettes&Co.
 

Even if a bit delayed, cold and grey days have come and with November approaching, definitely fall is here. Like every year, let me remind you the training schedule covering all the winter season.
There's plenty of trainings dedicated to both people working in the field, knowledgeable perfume lovers or even to freshmen willint to get more conscious about perfume.

In September Smell Festival started in Bologna the Smell Atelier program with the first part of The Language of Perfume led by the perfumer Martino Cerizza. In case you missed the October workshop dedicated to Jasmin, save the date for next appointment scheduled on November 6 with Fleurs - the alchemic life of flowers - where Francesca Faruolo will disclose all the physics and metaphysics of Orange Flower.
This year's news it's a serie of workshops about Perfume History I had the chance to develop together with Smell Atelier. The social changes together with taste and new raw materials will give the way to taste and understand some of the masterpieces that marked three revolutionary moments in perfumery. Looking forward to seeing you on November 29 for the first workshop The crazy years: Fragrances between the two wars. Save the date!
You can follow all the training program on the Smell Festival website that's useful also for participating.

After Halloween also the Mouillettes&Co school restarts on November 10-11 with a two-days Introduction to perfume techniques and the language of smells. Given the big request for Nose for one day, there are big news in 2015: the course will be on tour and Maria Grazia Fornasier team will be soon in Parma, Rome and Catania. To learn more and join the trainings, you can refer to the Mouillettes&Co  website.

20 ottobre 2014

Pour un Homme di Caron (1934 - 2014)

"Devi solamente creare qualcosa di semplice e farlo al meglio che puoi" F. Kurkdjian

Pensando alla firma olfattiva di Caron, è inevitabile parlare di qualcosa di imperativo, tenace e pieno di contrasti. Ripercorrendo le creazioni di un maestro dalle potenti dissonanze come Ernest Daltroff è piuttosto sorprendente l'incontro con l'equilibrio sottile e la pulizia japoniste di Pour un Homme.
Certo restano gli spigoli, quelli scabri della lavanda provenzale. Certo resta la densità calda della vaniglia. Ad ottant'anni dal suo lancio però, proprio la pulizia formale ne fa una fra le creazioni più avveneristiche e senza tempo del marchio, così avantgarde da rispecchiare perfettamente le parole di Francis Kurkdjian sulla sua visione di profumeria contemporanea.

Caron Pour un Homme (1934-2014)

"You just have to do something simple, and do it the best you can" F. Kurkdjian

Thinking of the olfactory signature of Caron, you can't help but speaking of something imposing, longlasting and full of contrasts. So looking back to the work of a powerful dissonances master like Ernest Daltroff it is quite a surprise the subtle balance and japoniste neatness of Pour un Homme.
Of course edges are there, the rough ones of lavender from Provence. Of course there's the dense warmth of vanilla. After eighty years since its launch though, the formal cleanliness makes of it one of the timeless and avantgarde creations of the brand. So avantgarde it still perfectly fits Francis Kurkdjian words about his vision of contemporary perfumery.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...