27 agosto 2014

Eau de Magnolia di Frédéric Malle (Carlos Benaïm 2014)

Da sempre l'estate è la mia stagione preferita non solo per la fine della scuola e l'idea delle vacanze, ma per l'esplosione di colori e profumi che aspetto con trepidazione il resto dell'anno. La stagione è impazzita quest'anno, eppure l'aroma dolce e rustico del fieno maturo e delle messi ha riempito la campagna padana alla fine. Il suo contrappunto civilizzato invece divampa nei giardini con l'impertinenza delle magnolie, un aroma paradossare di albicocche infuse di pompelmo e te verde macchiato latte che riesce a bucare anche l'afa catramata dell'agosto milanese.
La magnolia è un dinosauro botanico: si dice infatti che i primi fiori apparsi sulla terra fossero antenati delle magnolie con la stessa simmetria perfetta per cui qualsiasi asse si scelga, si hanno sempre due metà esatte. Questo ha suggerito a Frédéric Malle il nome della mia candela preferita della linea: Jurassic Flower, creata da Carlos Benaïm a partire dall'headspace della magnolia grandiflora.

Frédéric Malle Eau de Magnolia (Carlos Benaïm 2014)

Since ever summer is my favourite season not only because of the end of school year and the forecoming holidays but for the explosion of colours and smells I long for the rest of the year. We had quite a weird season this year and nevertheless the rough and sweet smell of mature hay and crops filled the padanian countriside at last. Its civilized counterpart instead are the insolent magnolias spreading throughout the gardens their strange aroma of grapefruit drenched apricots and milk dashed green tea so intense to pierce the tarry sultriness of August in Milan..
Magnolia is a botanical fossil: in fact it is said that the first flowers bloomed on earth were ancestors of magnolias featuring the same perfect simmetry that makes them split in two identical parts no matter along which axis you chose to dissect them. This provided Frédéric Malle with the name for my favourite candle in the line: Jurassic Flower, created by Carlos Benaïm from the headspace of magnolia grandiflora.

13 agosto 2014

Fragranze 12: ci vediamo fra un mese!

Quest'anno l'estate sembrava aver dato forfait e invece accantonate le ambre assieme al luglio più piovoso degli ultimi trent'anni, finalmente anche a Milano il termometro è salito oltre i 30C, giusto in tempo per le mie vacanze. Prima di partire per la Puglia però volevo ricordarvi che manca solo un mese a Pitti Fragranze. Quest'anno il consueto appuntamento fiorentino per scoprire cosa ci spruzzeremo di nuovo è il 12-14 settembre alla Stazione Leopolda.

Fragranze 12: see you within a month!

This year it seemed like we could forget about summer and instead, put aside ambers together with the rainiest July of the last thirty years, finally also in Milan temperature reached over 86F, just in time for my vacations. Before leaving for Puglia though, let me remind you there's only a month left before Pitti Fragranze. This year the usual date in Florence to discover what's new to spray on is scheduled on September 12-14 settembre at Stazione Leopolda.

08 agosto 2014

Monsieur Balmain (1964)

"La bella moda è evoluzione, non rivoluzione" Pierre Balmain

Quando Pierre Balmain in un'intervista diede questa definizione della moda, oramai era un couturier leggendario famoso per aver vestito le teste coronate di mezzo mondo e le star di Hollywood fasciandone le curve con la sua eleganza classica e un po' coquette da Jolie Madame. Ma se la moda di Balmain è conservativa, la sua scia olfattiva è decisamente impertinente se non rivoluzionaria e segna gli anni del dopoguerra con lo stile brutale di Germaine Cellier. Così nel 1964, mentre escono in stampa le sue memorie I miei anni e le mie stagioni, Balmain volle lanciare la sua prima fragranza maschile, Monsieur Balmain che sarà uno degli ultimi capolavori creati dalla impetuosa Germaine.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...